Search here...
TOP
Italia Veneto Viaggi

5 luoghi da vedere assolutamente a Venezia

Oggi voglio consigliarvi alcuni posti magici da vedere assolutamente a Venezia. Qualche mese fa siamo stati a Venezia, avevamo un weekend lungo da sfruttare e ci sembrava la meta perfetta per noi, ed infatti così è stato. Dopo questo nostro viaggio mi sento di darvi alcuni consigli su cosa fare (o non fare a Venezia). Di Venezia non voglio raccontarvi troppo, perchè secondo me è una di quelle città che va scoperta a modo proprio. E’ come un vestito su misura, non a tutti andrà bene e non a tutti piacerà, ma se saprete indossarlo diventerà il vostro preferito.

Voglio sopratutto darvi suggerimenti per il vostro soggiorno a Venezia,

quindi un consiglio che mi sento di darvi è di non perdervi, ma non perchè sia una città pericolosa, anzi, ma perchè i navigatori dei cellulari non funzionano, o almeno i nostri sono impazziti. Le strade sono così strette che spesso i navigatori si confondono e non sempre i vicoli hanno uno sfondo, spesso ci si ritrova davanti al cancello di qualche abitazione e tocca tornare indietro.

Poco male comunque, perchè perdersi per Venezia da una sfortuna potrebbe trasformarsi in una fortuna. Allontanarsi dal branco di turisti che girano la città come pecore vi farà scorgere degli angolini magici! Ma vediamone alcuni.

Ovviamente come prima meta obbligatoria vi consiglio la libreria acqua alta

è molto conosciuta e quindi anche un po’ affollata dato che è molto particolare e offre dei posticini super instagrammabili. Ma non limitatevi solo al cortile interno, esploratela, c’è pure la possibilità di salire su una gondola lasciando una piccola donazione.

Un altro posto che secondo me ancora non è cosi famoso è la scala Contarini del Bovolo

da dove vedere venezia

che è bellissima vista dal basso ma niente a che vedere con la vista che si ha da in cima a quelle scale!! Sembra di stare su un set cinematografico. Quindi armatevi del vostro outfit migliore e immortalate l’attimo.

Un’altra bellissima vista panoramica (gratuita questa volta)

che si può avere è da un palazzo super centrale. Sto parlando della terrazza del Fondaco Dei Tedeschi. Esattamente. Sul tetto del super lussuoso centro commerciale nel centro di Venezia c’è una terrazza panoramica a 360°. Il biglietto è gratuito ma la prenotazione assolutamente necessaria, infatti il flusso dei visitatori è controllato e senza il biglietto non fanno entrare. Non importa stamparlo, basta avere la prenotazione sul telefono. Quindi veramente semplice come cosa. Vedere Venezia da lassù è mozzafiato.

Poi ovviamente se andate a Venezia non potete perdervi il giro dei bacari,

che sono dei classici bar che fanno delle mini porzioni come stuzzichini accompagnate da ottimo vino. La scelta è infinita, ci sono i classici, i vegani, quelli solo di pesce e quelli… “immigrati” tipo il Bacado de’ Bischeri del mio amico Roberto. Lui fiorentino d.o.c ha deciso di trasferirsi a Venezia senza però rinunciare alla cucina fiorentina, così ogni giorno sfama i veneziani facendosi arrivare i salumi, il vino e la schiacciata direttamente dalla toscana per cucinarli e servirli ai suoi clienti! Se passate da lui salutatemelo!! Ma mi raccomando, non ubriacatevi, i Veneti reggono bene l’alcool quindi non sfidateli.

Un’altra curiosità che voglio svelarvi riguarda i numeri civici.

Anzi no, non vi dico nulla, vi chiedo solo di prestarci attenzione.

Noi abbiamo avuto la fortuna di vedere Venezia con l’acqua alta,

e dico fortuna perchè era alta quanto basta per renderla più affascinante e non per paralizzare la città come è successo qualche giorno dopo la nostra partenza.

Ora basta, non voglio svelarvi più niente, Venezia va scoperta, non letta.

Bea around

«

»

3 COMMENTS

  • Sergio

    Il mio sogno.
    Auguro tanto di visitare l’italia un giorno.

    Venezia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pingback: Come scegliere l'hotel a Venezia: 5 alternative - Bea around on 29 Maggio 2020

Pingback: Murano e Burano, una grande delusione. - Bea around on 29 Maggio 2020