Search here...
TOP
Caccia al tesoro Firenze La mia Firenze

La terza caccia al tesoro a Firenze. 5 curiosità da non perdere

So che sia la prima che la seconda caccia al tesoro a Firenze vi sono piaciute molto quindi ecco qua la terza, pronti a cominciare?

Ma prima di partire avete già scaricato l’applicazione che vi paga se camminate?

Se non sapete di cosa sto parlando cliccando qui lo scoprirete e avrete subito in regalo €1,50!

Adesso siamo pronti per partire!

Qui trovate la Mappa per giocare alla caccia al tesoro

(tempo di percorrenza 9 min a piedi)

Primo indizio:

caccia al tesoro a Firenze

Questo piccolo tesoro è molto conosciuto sia dai fiorentini che dai turisti. Andiamo in Piazza della Signoria ed ammiriamo Palazzo Vecchio. Bello vero? Ma non è lui l’indizio da cercare, sarebbe stato troppo semplice. Guardate attentamente la sua facciata, soprattutto sulla destra. Avvicinatevi un po’. Lo avete visto? Avete trovato il volto misterioso inciso da Michelangelo?

Ci sono tre diverse leggende su questa incisione. C’è chi dice che quello sia il volto di un uomo che era solito importunare Michelangelo. Lo infastidiva così tanto da portarlo ad incidere il suo viso in modo che tutti i fiorentini potessero sapere di chi si trattasse, un’altra leggenda sostiene invece che quello fosse il volto di un condannato a morte e, dato non avrebbe avuto molto tempo per scolpirlo, tralasciò molti dettagli. L’ultima leggenda racconta invece di una scommessa fatta al Buonarroti. Sembrerebbe infatti che Michelangelo fosse stato sfidato nel realizzare un suo autoritratto senza potersi guardare allo specchio e tenendo lo scalpello dietro la schiena. In ogni caso quel ritratto è giunto fino ai giorni nostri e, proprio lì dove siete ora, c’era Michelangelo!

Secondo indizio:

caccia al tesoro a Firenze

Adesso andiamo verso la Loggia del Mercato Nuovo, che dista pochi passi da Piazza della Signoria. Di giorno questa loggia è piena di bancarelle (che personalmente trovo interessanti solo per i turisti) ma la sera, quando si svuota, si può vedere, nel centro della loggia, una pietra che rappresenta a grandezza naturale una ruota del Carroccio, simbolo della Repubblica fiorentina. Ma a cosa serviva? Quello era il punto in cui venivano puniti i fiorentini debitori. La punizione consisteva nel legare i non paganti e una volta “calate le braghe” gli facevano battere il sedere ripetutamente sulla pietra. Da questa usanza si dice che siano nati due modi di dire. “Essere con il sedere per terra” e “essere sculati” ovvero sfortunati. Tranquilli, ormai non si fa più, ma chissà, se non doveste pagare il conto ad ristorante magari toccherà a voi far rinascere questa tradizione.

Terzo indizio:

caccia al tesoro a Firenze

Rimaniamo un momento alla Loggia del Mercato Nuovo, perchè su un lato potrete ammirare il famoso porcellino (infatti per i fiorentini quella non è la Loggia del Mercato Nuovo ma bensì la piazza del porcellino). A guardalo bene non è un porcellino ma un cinghiale, ma ciò non farà cambiare i nome ai fiorentini. Comunque come mai porta fortuna? Non si sa.

Ovviamente essendo una fontanella ed essendo l’acqua un bene prezioso nell’antichità si pensava potesse essere fortunato chi beveva dalla sua bocca (vi prego non fatelo!!! E’ sporco da morire!) ma adesso per ottenere la fortuna si è soliti strofinare il muso del porcellino, mettergli una monetina in bocca e farla cascare dentro le grate. Se la monetina sparirà negli abissi il desiderio si avvererà, se invece non riuscirà a cascare dentro le grate… triste ma vero la prenderà qualche ladruncolo a fine giornata. In ogni caso un mistero va svelato. Purtroppo quello non è il vero porcellino realizzato da Pietro Tacca, ma è solo una riproduzione. Il vero porcellino di bronzo si trova al museo Bardini che lo custodisce gelosamente dal 2004.

Quarto indizio:

vicolo dello scandalo

Spostiamoci in Via del Corso per il prossimo indizio della nostra caccia al tesoro a Firenze. Perchè? Perchè lì si trova il vicolo dello Scandalo. Non cercatelo con google maps, non vi apparirà. Infatti quello non è il suo vero nome, quel vicolo un nome non ce l’ha ed è per questo che sulle cartine non si trova. Ma io vi svelerò come fare.

Quando vi trovate in Via del Corso cercate un cancello con sopra una Madonnina, più precisamente al numero 49. Il più delle volte questo vicolo è chiuso ma se avrete la fortuna di vederlo aperto potrete ammirare un pezzo di storia di Firenze. Quel vicolo era infatti l’unica cosa che divideva le due famiglie rivali di Firenze. I Guelfi e i Ghibellini. Inizialmente le case delle famiglie erano confinanti, ma decisero di buttare giù il muro in modo da creare un piccolo vicolo dove potersi scannare in santa pace. Purtroppo quel vicolo è stato chiuso da un cancello ma potete comunque sperare di vederlo aperto!

Quinto indizio:

caccia al tesoro a Firenze

Siamo giunti anche questa volta alla fine della nostra caccia al tesoro di Firenze e come ogni caccia al tesoro necessita di un premio! Quindi spostiamoci adesso vicino piazza Duomo, in una stradina che si chiama via Santa Margherita. Preparate una bottiglietta d’acqua o aspettate che inizi a piovere perchè proprio in quella via, quando la pavimentazione viene bagnata, si può vedere il volto di Dante scolpito nella pietra. Perchè? Perchè in un luogo in cui tutti guardano verso l’alto per ammirare il Duomo si deve premiare anche chi guarda per terra, proprio come voi che partecipate a questa caccia al tesoro!

PREMIO DI QUESTA CACCIA AL TESORO:

Ogni caccia al tesoro che si rispetti merita un premio no? Quindi ho deciso di regalarti la possibilità di spedire una cartolina personalizzata scattata durante questo viaggio!

Pensaci bene, da quanto tempo è che non spedisci una cartolina?

Quelle che vedi nei negozi sono datate, brutte e tutte uguali?

Non trovi mai una cassetta della posta per spedirla e finisci per consegnarla a mano?

Io ho la soluzione. Con Pemcards è tutto più facile, scegli una foto scattata con il tuo telefono e loro penseranno alla spedizione

Come fare?

  1. Entra sul sito di PEMCARDS (o scaricare la loro applicazione)
  2. Scegli la foto dal tuo dispositivo,
  3. Inserisci il messaggio
  4. Aggiungi l’indirizzo del destinatario
  5. Carica il codice sconto BEAAROUND per avere la prima cartolina in regalo.

Fai sapere a qualcuno di speciale che è nei tuoi pensieri con una cartolina che arriva dritta al cuore!

Se questa caccia al tesoro a Firenze ti è piaciuta e hai già giocato a tutte le altre ti consiglio anche questi tour:

 

Buon divertimento e ricordatevi: se scattate delle foto durante questa caccia al tesoro taggatemi su instagram e usate l’hashtag #cacciaaltesorodibeaaround

Qui sotto vi lascio la cartina per giocare con me!

«

»

3 COMMENTS

  • Harriet

    I really like your blog.. very nice colors & theme.

    Did you make this website yourself or did you hire someone to do it
    for you?
    Plz respond as I’m looking to design my own blog and would like to know where u
    got this from.
    kudos

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pingback: Quarta caccia al tesoro a Firenze - Bea around on 8 Luglio 2020

Pingback: Seconda caccia al tesoro a Parigi, non tutto è ciò che sembra - Bea around on 8 Luglio 2020