Search here...
TOP
Caccia al tesoro Italia Lombardia Milano

La prima caccia al tesoro a Milano tra street art e natutra

Benvenuti alla prima caccia al tesoro a Milano, cosa troverete in questo articolo? 5 luoghi nascosti e meno conosciuti del capoluogo lombardo.

Pronti?

Qui trovate il link della cartina per giocare con me!

Primo indizio

caccia al tesoro a milano

Iniziamo la nostra caccia al tesoro in un luogo molto suggestivo, un cimitero. Ma non uno qualunque, il più grande della città, il più “monumentale“. Non sono una fan dei cimiteri, anzi, mi mettono molta tristezza e un po’ di ansia, ma questo ha fatto eccezione. Pieno di cappelle, statue e sculture mozzafiato. Sembra quasi un museo per quanto è ricco di sculture. Mi ha proprio affascinato e non volevo più venir via. Ogni strada, ogni angolo e ogni centimetro mi facevano stupire sempre di più.

Ma come mai voglio portarvi proprio qui? Perchè nel cimitero monumentale potete ammirare l’ultima cena. Esatto, non dovrete entrare in Santa Maria delle Grazie, vi basterà girellare in questo luogo mistico. Infatti forse non tutti sanno che proprio dentro il cimitero monumentale di Milano si trova una riproduzione in scala 1:1 del famosissimo dipinto di Leonardo, e per poter giocare a questa caccia al tesoro a Milano dovrete riuscire a trovarla. Vi do un indizio? quando entrate nel cimitero andate subito sulla destra. Non posso aiutarvi di più altrimenti vi rovino il gioco!

Secondo indizio

Passiamo ora al secondo indizio da trovare in questa caccia al tesoro a Milano. Non so se lo sapete ma il capoluogo lombardo ha ben 20 stazioni ferroviarie, da Milano centrale a Milano Romolo, da Milano Porta Garibaldi a Milano Cadorna. Ma forse non tutti sanno che una stazione si trova, o meglio si trovava, anche in corso Sempione, ed è quella che dovrete trovare per continuare il gioco. All’altezza dell’incrocio tra Corso Sempione e via Moscati, è possibile trovare un oggetto molto speciale, che sbuca da un aiuola.

Si tratta di un respingente, uno di quei pezzi di ferro che solitamente si trovano alla fine di un binario ferroviario. Ma cosa ci fa qui? Non ci sono treni o rotaie, quindi cosa ci fa qui questo pezzo di ferro? Sarà mica opera dei maghi di Hogwarts? Purtroppo no, ma si tratta del rimasuglio di una stazione ferroviaria che fino all’800 costituiva il capolinea della linea Milano – Gallarate, andata poi scomparsa per la veloce espansione della città. Un piccolo, grande, oggetto che ci ricorda di come tutto cambia.

Terzo inidizio

caccia al tesoro a milano cappe aria citylife

Per questo indizio della caccia al tesoro a Milano (il mio preferito) ci spostiamo nel complesso residenziale di City Life. Il quartiere più moderno, pieno di grattacieli e aree verdi, fa quasi dimenticare di essere nella città della madonnina. Ma in mezzo a tanta bellezza quello che dovrete trovare è un oggetto molto tenero, anche se a vederlo molto tenero non sembra. Si tratta di due cappe dell’areazione che nascondono un significato bellissimo. Se le osservate bene sembra quasi che si abbraccino e raffigurano il mito di Filemone e Bauci.

Nella mitologia Greca le divinità Zeus e Eremes, decisero di prendere le sembianze di due mendicanti e iniziarono a girare per un villaggio per chiedere ospitalità alle famiglie ma nessuno gliela diede. Gli unici ad accettarli furono due anziani sposi. Zeus ed Eremes distrussero tutte le altre case e trasformarono la loro in un tempio, rappresentato dai grattacieli di City Life. dopo una vita ricca di felicità, i due sposi morirono e furono trasformati in una quercia e in un tiglio uniti tra loro, come questa struttura in City Life. Queste due cappe, interamente in alluminio, sono piegate su se stesse, come se fossero quei due anziani, richiamando lo stile greco delle colonne. Sono rivolte verso i grattacieli come a simboleggiare il passato che guarda al futuro e il futuro osservato il passato, unite da un abbraccio metallico. Non è romantico?

Quarto indizio

caccia al tesoro a milano

Per il quarto indizio di questa caccia al tesoro a Milano dovrete trovare il cestello del castello. Sto parlando di un castello di carte, ma non carte normali come noi le conosciamo ma… maxi carte! Pensate che sono alte quasi due metri! Dove potete trovarlo? Davanti a Castello Pozzi che e’ un luogo speciale edificato nel 1929 da Claudio Tridenti Pozzi, Re della moda milanese dal 1876. Dentro queste carte è possibile vedere la Gioconda o dei nani multicolor. Tranquilli, non è precario come un comunissimo castello di carte. Non potrà crollare con un soffio di vento, quindi non preoccupatevi se in città si è alzata una leggera brezza.

Quinto indizio

Siamo giunti alla fine della prima caccia al tesoro a Milano e dovrete scoprire un guinness world record!! Esatto, perchè non in molti lo sanno ma Milano detiene un record mondiale ( beh non solo uno in realtà). Proprio nel capoluogo lombardo si trova infatti la panchina più lunga del mondo. Pensate che è lunga ben 208 metri ed è composta da 1800 stecche di legno, 25000 viti e 500 gambe di ferro. Impressionante!!! Beh dopo tutta la fatica che avete fatto per trovare tutti a 5 gli indizi vi meritate un po’ di riposo, e nessun posto è più adatto di una panchina da guinness dei primati!

Buon divertimento e ricordatevi: se scattate delle foto durante questa caccia al tesoro taggatemi su instagram e usate l’hashtag #cacciaaltesorodibeaaround

E non dimenticatevi di trovare tutti gli indizi delle altre cacce al tesoro!!

Bea around

«

»

1 COMMENT

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pingback: La seconda caccia al tesoro a Milano, alla ricerca del diavolo. - Bea around on 27 Luglio 2021